Kinoa nasce come startup a Firenze nel 2016 dall’idea di un gruppo di giovani creativi. Il desiderio è quello di creare una bottega che sviluppa progetti ed esperienze innovative a partire da una propria lettura del presente, dalla conoscenza del passato e da una chiara visione del futuro.

I prodotti e i servizi che realizziamo a Kinoa sono il risultato del lavoro collettivo di una squadra dalla competenze eterogenee che vanno dalla discipline scientifiche e informatiche a quelle economiche e sociali.

La modalità di lavoro di Kinoa parte dalla costante sperimentazione delle più recenti tecnologie, come intelligenza artificiale, blockchain, realtà aumentata. Queste sono le nostre materie prime, fornite da partner qualificati come IBM e Microsoft, che abbiamo imparato a maneggiare e con le quali abbiamo iniziato a creare i nostri primi prodotti.

Per Kinoa queste tecnologie sono solo la base sulla quale costruiamo e modelliamo la soluzione finale per il nostro cliente. A fianco degli sviluppatori c’è infatti il lavoro di chi, dopo un’attenta lettura del contesto socioeconomico, riesce a focalizzare il prodotto sulle persone e sui loro bisogni.

Nelle nostre attività siamo affiancati dal laboratorio di ricerca sociale Data Life Lab, fondato da Kinoa insieme all’Università di Firenze, e incentrato sullo studio del comportamento dei giovani e del loro rapporto con le nuove tecnologie.

A Kinoa confezioniamo opere uniche, cucite su misura dei nostri clienti, che ci piace accompagnare in un percorso di conoscenza e studio delle nuove tecnologie e del loro impatto sulla società.

La comprensione delle trasformazioni in corso è per noi fondamentale e per questo abbiamo creato anche una Scuola di Innovazione grazie alla quale svolgiamo attività di formazione e consulenza, divulgazione attraverso eventi e pubblicazioni ed organizziamo laboratori per i giovani.

Le nostre creazioni

Il primo progetto che abbiamo sviluppato a Kinoa è stato Kimap, il primo navigatore per persone con disabilità motorie che offre agli utenti la strada più accessibile per raggiungere la loro destinazione abbattendo così le barriere informative per questi cittadini. I dati sull’accessibilità sono raccolti automaticamente dai sensori degli smartphone degli utenti e elaborati da una tecnologia proprietaria brevettata da Kinoa. La raccolta automatica dei dati a partire dagli utenti stessi ha permesso di rendere Kimap disponibile ad una community mondiale.

L’attenzione di Kinoa per i giovani ha portato al lancio di KibiGO, un’esperienza dedicata ai giovani inventori ai quali viene offerta l’opportunità di sviluppare nuove idee attraverso un format che unisce la sperimentazione delle nuove tecnologie, l’educazione finanziaria tramite l’uso di una moneta virtuale e la realizzazione di veri e propri prototipi da lanciare sul mercato. Per KibiGO abbiamo sviluppato una blockchain dedicata e una moneta virtuale, il Fiorino, che permette di certificare ogni attività all’interno dell’esperienza.

Grazie a KibiGO abbiamo incorporato nel nostro team giovani talenti insieme ai quali abbiamo iniziato a sviluppare prodotti dotati di assistenti virtuali. Il primo, Calinda, è un distributore di bevande dotato di assistente vocale che grazie alla sua intelligenza artificiale comprende il linguaggio parlato e può esaudire la richiesta di chi vuole bere mixando più elementi fino a servire un cocktail, accompagnato da una simpatica battuta. Dopo Calinda è stato creato iFrame un quadro digitale dotato di intelligenza artificiale. iFrame può ascoltare le richieste di chi vuole ammirare un’opera d’arte e mostrarla in pochi secondi su uno schermo ad alta definizione all’interno di una cornice realizzata da un artigiano fiorentino. E’ possibile chiedere ad iFrame di vedere un singolo quadro oppure una galleria di opere di uno stesso autore e lui in pochi istanti mostrerà quanto richiesto.

Team

Cofounder - CTO
Marco Scarselli
Cofounder - CEO
Lapo Cecconi
CTIO
Tommaso Rossi
Community Manager
Armando Dei
Project Manager
Francesco Acciai
Project Planner & Public Affairs
Giulio Poggiaroni
Project Manager
Ester Macrì
Content Editor & Media Relations
Cosimo Francesco Biliotti
Developer
Gabriele Cannarozzo